Apprendiamo la risposta alle nostre osservazioni riportate su un nostro articolo riguardante la gestione della risorsa più importante di Terracina che è il mare, attraverso uno scarno e nebuloso comunicato condito da giudizi, pregiudizi ed insulti che altro non fanno che alzare il solito muro tra le istituzioni ed i cittadini, ignorando totalmente quelle che sono le loro richieste.

…“La polemica sulle spiagge libere dei Cinquestelle è caratterizzata da inesattezze, approssimazione e scarsa conoscenza della realtà”…. esordisce Percoco  e se, il buongiorno si vede dal mattino, questa frase non lascia presagire nulla di buono.

…”. I Cinquestelle confondono le concessioni con le convenzioni, istituti profondamente diversi poiché i secondi afferiscono alle spiagge libere che rimangono tali….”  Bene assessore, e che cosa cambia per un cittadino che per trovare un fazzoletto di spiaggia libera deve arrivare alla “quarta traversa” o addirittura alla “quattordicesima traversa” … ?

Probabilmente approssimazione è quella con cui l’assessore ha letto il nostro articolo, che al di là dei tecnicismi, comunque riportati da dati ineccepibili nell’articolo, voleva sottolineare una realtà ben precisa: lo scempio che si perpetua ogni anno sugli arenili, contro ogni senso del gusto e della bellezza, devastando la spiaggia di Terracina con un ammasso di baracche posticce che ricordano le bidonville di una favela brasiliana. Eh sì, caro assessore, perché, facendo una passeggiata sul Lungomare Circe, per vedere un po’ di mare, bisogna arrivare fino alla “quarta Traversa” o alla “quattordicesima”, laddove cioè c’è spiaggia libera, libera da baracche e similari ! Non è difficile da capire, basterebbe un minimo di sensibilità nei confronti del senso della bellezza per evitare tutto questo scempio. Ha mai provato a farsi una passeggiata sul lungomare di S. Felice Circeo… o al consorzio del Lago lungo…? Ha presente cosa si intende per “stabilimento balneare”?, il libero accesso alla spiaggia, il colpo d’occhio che ha un turista…? Il Lungomare di Terracina è meraviglioso l’inverno… chi di noi non apprezza lo sky line della riviera di Ulisse…? Ma l’estate tutto questo sparisce, viene sacrificato al profitto di pochi, che probabilmente gestiscono le loro attività proprio con … approssimazione e scarsa conoscenza della realtà.

Per quanto riguarda poi la qualità delle acque i dati sono inconfutabili  secondo Percoco…”le uniche acque torbide che vedo sono quelle in cui i Cinquestelle vorrebbero far navigare i loro avversari politici poiché incapaci di argomentare con i fatti quanto asseriscono, travisando la realtà…”, ma anche qui ci troviamo di fronte ad un assessore che legge i dati con molta, troppa approssimazione ! 

I dati sono pubblici ed evidenti a tutti !

Il commento finale di stampo pseudo-politico fatto dei soliti luoghi comuni è semplicemente esilarante …” La politica esclusivamente distruttiva dei Cinquestelle denuncia l’incapacità conclamata a tutti i livelli governativi in cui sono purtroppo protagonisti, di concepire azioni positive e lungimiranti per la comunità…” poichè finisce con l’insultare chi per primo, proprio in questo governo, il Ministro Costa, ha fatto del benessere dei litorali un cavallo di battaglia proprio nell’ottica della liberazione delle spiagge da abusi di ogni sorta e liberazione dalla plastica, cosa quest’ultima di cui questo comune se ne guarda bene dal mettere in pratica.

Tuttavia visto il modo solenne in cui si firma…”Assessore al Demanio Marittimo e alle Attività Produttive Città di Terracina…”  da oggi in poi  i cittadini di Terracina sapranno che tutto ciò che avviene sulle spiagge di Terracina avviene sotto la sua supervisione e con la sua benedizione.

Cittadini di Terracina alle vostre osservazioni  il muro…da parte delle istituzioni è servito !

Stay tuned