bHermada1

Una piccola delegazione di cittadini, promotori della raccolta firme per l’esposto a riguardo della strada Via Pantani Da Basso, ha incontrato l’assessore Marcuzzi il 25 novembre. Lo stesso Prefetto Dr. D’Acunto, il 09 settembre scorso, scriveva, in risposta, al Comune consigliando di effettuare le valutazioni di competenza.

La convocazione dell’assessore ha avuto per oggetto le iniziative che l’Ente intende adottare per la messa in sicurezza: trasformazione in “strada urbana”, così da poter inserire gli attraversamenti pedonali rialzati e rallentare la velocità delle auto, e segnalatori lampeggianti disposti in prossimità della curva.

Gli attaversamenti in sito saranno due, uno all’altezza della piscina coperta in costruzione e l’altro di fronte la sede di Acqualatina, e saranno realizzati entro la fine dell’anno; il costo previsto per ognuno di esso è di € 4.000,00.

Il relativo bando per la realizzazione di ben 11 attraversamenti pedonali rialzati, “per un totale di euro 45.000,00 al ribasso”, da spalmare in tutta Terracina, sarebbe già stato indetto: due, appunto, sulla Pantani da basso, uno in via Cesare Battisti (altezza poste) e gli altri davanti alle scuole del Borgo e del centro città.

La disponibilità dell’assessore e la puntualità delle sue risposte in tale circostanza, ha dato riprova della grande valenza che può avere la mobilitazione dei cittadini nel sollecitare un’amministrazione pressochè assente nella gestione del territorio. La mobilitazione sociale contribuisce ad attivare risposte ad esigenze concrete.

Un suggerimento da parte nostra: sarebbe opportuno che nel proporre i bandi si fosse il più dettagliati possibile sulla qualità del prodotto da acquistare, in modo che, anche se a ribasso, ci si aggiudichi comunque un prodotto di qualità e si eviti di dover ricorrere ad interventi in emergenza.

A prescindere dalla riflessione sul mancato rifacimento della segnaletica orizzontale che, secondo quanto riferito da Marcuzzi, andrebbe rifatta almeno due volte l’anno, ma imputabile anch’esso al dissesto comunale!

Mentre pare si possa e debba permettere il ricorso a ditte esterne anche per la realizzazione degli attraversamenti, in quanto molto del personale del Comune, secondo l’assessore Marcuzzi, non avrebbe le competenze tecniche adeguate.

Speriamo, ancora, che “qualcuno” si ricordi di rendere gli attraversamenti usufruibili a tutti, anche ai diversamente abili, contrariamente a quanto fatto finora con strade e marciapiedi!

E perchè non investire più energie e risorse umane coordinandosi con le diverse forze dell’ordine e proponendo una conferenza di servizio sul tema della sicurezza stradale? Si potrebbe, ad esempio, individuare i punti più sensibili della città e, a campione, intervenire con controlli pianificati appunto dalle FF.PP.

Questi ed altri potrebbero essere i suggerimenti dei cittadini ad un amministrazione capace di porsi in atteggiamento di ascolto e confronto.

Comunque la fine dell’anno è vicina: le chiacchiere sono finite… siamo in attesa dei fatti!