Primo round riuscito! Il giorno di domenica 26 Giugno 2011 l’operazione parco pulito è andata a buon fine. Armati di scope, rastrelli, carriole, buste della spazzatura e di tanta buona volontà abbiamo eseguito l’operazione come promesso e  simbolicamente adottato il parco! Ovviamente la nostra operazione è stata di tipo dimostrativo il problema è tutt’altro che risolto.

Abbiamo analizzato come funziona la gestione ed abbiamo scoperto che la manutenzione del verde è di competenza dell’azienda “Verde Idea srl” di Taranto, che, nel novembre 2009, ha vinto l’appalto quinquennale per la gestione del verde pubblico nella nostra città . Oltre ai parchi quindi ha competenza nella gestione dei  lotti comunali inedificabili e dei viali alberati.

Questa azienza ha lamentato e continua a farlo ritardi nei pagamenti da parte del comune, e di conseguenza gli operai  della ditta si trovano spesso a lavorare senza stipendio, pagando le conseguenze della disastrosa situazione economica e finanziaria del comune.

Durante la nostra operazione infatti è intervenuto il responsabile della ditta che ha confermato questa situazione e si è impegnato a provvedere al recapito del materiale organico prodotto con la pulizia presso un centro di compostaggio, facendosi carico a nome dell’azienda di tali costi.

Se avessimo chiesto di provvedere alla Terracina Ambiente tale materiale probabilmente sarebbe finito in discarica come materiale indifferenziato. I problemi relativi a questo parco non sono però derivanti solamente dalla gestione del verde, ma dal completo abbandono: i cancelli rimangono spesso aperti anche di notte e ciò consente continui atti vandalici. Inoltre è completamente assente la manutenzione delle strutture presenti, rendendo necessaria anche una messa in sicurezza.

Il laghetto è praticamente prosciugato ed utilizzato come mini discarica,  abbiamo trovato perfino il rottame di una bicicletta e ovviamente gli animali che vivevano lì non ci sono più. Ma anche l’idea di un prato sembra difficie… vista l’impossibilità di usare l’acqua per l’irrigazione. Quello che vorremmo è la rivalutazione dell’area, in cui sono presenti anche delle rovine risalenti all’epoca romana, vorremmo il prato, vorremmo il laghetto con gli animali, vorremmo un area che sia degna di essere considerata un parco di una città moderna. Pertanto inizieremo a raccogliere delle proposte sia per mezzo degli strumenti web a nostra disposizione, sia con gli incontri del meetup. Questi incontri sono aperti alla cittadinanza, gli interessati possono partecipare sia alla discusisone on line sia all’incontro fisico previsto il giorno di domenica 3 luglio 2011 alle ore 10.30 presso il parco Area Chezzi. Passeremo dalla protesta alla proposta!