Negazionismo e Manipolazione – Il Vaso di Pandora

1

La buona fede è una virtù, mentre riuscire a negare l’evidenza potrebbe essere considerato da molti un capolavoro, forse, ma non da chi considera l’onestà intellettuale una qualità imprescindibile della buona politica.

Ed esiste chi è esperto nell’arte del negare, lo fa con arroganza e forse anche con l’intento di convincersi e … convincere. Negare l’evidenza ad ogni costo, pur di salvare un’apparenza che molto spesso si regge su un piedistallo fatto di cristallo. E forse proprio la salvaguardia di quell’apparenza, “la città meravigliosa” … “la forza gentile”, il mondo di Alice diremmo noi, ha fatto in modo che qualcuno  arrivasse all’apice dell’Europa.

Ma per chi soffre di memoria corta ci pensiamo noi a rinfrescarla un po’…

Non sono poi così lontani i tempi (Maggio 2020 per essere precisi) in cui il Deputato Europeo di Fratelli d’Italia Nicola Procaccini, si sfogó sulla questione “caporalato” accusando chi da anni combatte questo fenomeno illegale, di agire come Leggi tutto >>

Ne facessero una buona …!

1

Noi ce la ricordiamo bene l’inaugurazione della Casa della Cultura Popolare Terracinese ‘Gigi Nofi’ presso la Torre degli Acso, gioiello di rilevanza archeologica, nel cuore del centro storico alto della città. “Una giornata importantissima…”, sostenevano, “forse addirittura cruciale per capire che ruolo giochi in questa città la cultura con la ‘c’ maiuscola. …” E CHE CULTURA!

L’inizio  è  stato buono”, dicevano, “ora c’è  bisogno di lungimiranza…”                       … Acso che lungimiranza!

E infatti oggi l’attuale amministrazione comunale, erede naturale ed in totale continuità con  quella precedente e con la stessa bandierina, si trova a dover fare i conti con il gestire un’ ordinanza di sgombero, poiché l’amministrazione precedente, aveva dato in comodato d’uso tale Casa della  Cultura ad una sedicente onlus col vestito da istituto nautico. 

Questa vicenda fa emergere ancora Leggi tutto >>

A Terracina essere cittadini virtuosi non premia

0

Non ci sorprende affatto la scelta del Comune di Terracina di rinnovare per altri tre anni il contratto con la De Vizia Transfer Urbaser per il servizio di raccolta e smaltimento rifiuti. Come afferma l’Assessore all’Ambiente “è la naturale conseguenza della soddisfazione dei risultati raggiunti e dell’economicità del rinnovo perché i costi per il Comune restano gli stessi di quelli del contratti in essere stipulati sei anni fa”. Il Contratto sottoscritto il 10 marzo 2015 era di un importo netto di aggiudicazione pari a euro 7680000,00 al netto degli oneri di sicurezza pari a euro 91000,00 oltre iva. Un costo del servizio che inclusi gli extra oggi arriva quasi a 10 milioni di euro. Come si può parlare di economicità del rinnovo senza aver valutato altre offerte?Occorre ricordare che il merito degli ottimi risultati raggiunti nella raccolta differenziata è dei cittadini si perché sono loro ad impegnarsi nella corretta differenziazione dei rifiuti. E a fronte di una forte crescita Leggi tutto >>

Le mani sulla città

0

A Terracina il privato chiede e l’Amministrazione autorizza. Crediamo si sia sparsa la voce perché altrimenti non si spiegano le numerose varianti urbanistiche e permessi ad edificare complessi residenziali. E lo si fa ai sensi della legge regionale sulla rigenerazione urbana. Poco importa se questa stessa legge è finalizzata a limitare il consumo di suolo, razionalizzare il patrimonio edilizio esistente, riqualificare aree degradate nonché favorire la realizzazione di nuove opere pubbliche ed il completamento di quelle previste. Perché a Terracina le opere pubbliche sono sacrificabili, si monetizzano gli standard urbanistici e il consumo di suolo è la regola. Ed è quello che accade alla Pro Infantia dove l’Amministrazione comunale non si accontenta di riconoscere la rigenerazione dell’immobile esistente ma ne autorizza la costruzione di un altro identico. Un mostro di cemento a pochi metri dal mare, in un’area soggetta a vincoli quindi di maggior tutela ma questo non sembra Leggi tutto >>

Incendi boschivi e l’inettitudine dell’amministrazione comunale

0

Il nostro candidato Sindaco Piero Vanni ha già espresso la nostra posizione sulla questione degli incendi boschivi, ma è nostra abitudine approfondire la tematica a prescindere dalle dichiarazioni della campagna elettorale in corso.

Ribadiamo l’incapacità della pubblica amministrazione di fronteggiare adeguatamente un problema la cui escalation distruttiva sta innescando un processo di degradazione dell’intero ecosistema, proprio ora che, con la crisi climatica in atto, abbiamo bisogno più che mai del patrimonio naturale.

Dopo anni di (mal) governo, l’unica abilità di questa amministrazione è la declamazione strombazzante ed inconsistente del… nulla, vista la stagnazione, o, meglio ancora, il peggioramento della situazione generale.

Nel caso specifico, sono ben quattro anni che denunciamo alla pubblica opinione la grave carenza di un piano a tutto tondo di previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi. Ma, ribadiamo, allora come oggi, l’unica Leggi tutto >>

Incendi boschivi: l’intervento di Piero Vanni

0

“Ciao a tutti, ho visto un video che hanno girato i candidati consiglieri della mia lista, e devo dire che guardandolo mi si stringe il cuore.

Vedere tutta quella natura andata in fumo per colpa dell’uomo, mi lascia senza parole, mi porta indietro e mi fa ricordare il tornado che ci ha colpito tempo fa.

Questi eventi sono collegati tra di loro, l’ecosistema ha bisogno della vegetazione, degli alberi e toccando questo equilibrio diventa inevitabile l’esposizione a fenomeni violenti.

Già nell’estate 2017 un vasto rogo interessò per giorni le nostre montagne, che fanno parte di un importante parco naturale, quello dei monti ausoni, distruggendo una vasta macchia verde.

Sono trascorse diverse stagioni estive e nessun intervento di prevenzione è stato attuato. Questa è la prova che oggi nel 2020, a differenza di molte città italiane che si sono dotate di uno strumento importante quale il catasto incendi e delle linee guida per i terreni percorsi dal fuoco, la nostra Leggi tutto >>

Portualità, le proposte M5S

0

La storia della portualità terracinese è stata sempre oggetto di campagne elettorali e di promesse puntualmente disattese, progetti faraonici mai realizzati, assegnazioni demaniali clientelari e manutenzione delle stesse da “Terzo Mondo” e il risultato è sotto gli occhi di tutti: degrado, strutture demaniali pericolanti, abbandono, insabbiamento, assenza di strutture essenziali atte a ricevere e favorire il turismo da diporto,  banchine attrezzate, smaltimento acque reflue delle imbarcazioni, servizi igienici, strutture per i pescatori obsolete. 

La sue vicende ne sottolineano anche le gravi responsabilità  politiche.  Ormai certo è che lo stato di abbandono dell’area portuale sia da sempre un disegno da parte degli amministratori per permettere al privato o squalo di turno di impossessarsene  attraverso concessioni clientelari .

Le responsabilità personali e politiche, hanno come comune denominatore Il controllo delle concessioni, per il ripristino di tale controllo è Leggi tutto >>

FU… …SIO… …NEEEE!!!

0

Ebbene si! La compagine politica locale si palesa finalmente per quello che ha sempre voluto essere: la rincarnazione della DiCCi, quella con la “Di” e la “CCi” maiuscola.

Sempre pronta quando deve ad assecondare capricci dei propri cittadini. Movida free (per più gazebi sballo e drink under 18), Varianti free (per gli speculatori), Spiagge free (per i gestori), Panini free (per i propri alleati), Plastic free? Non quello no, faremmo fallire aziende e questo non si può fare!!!

Insomma, se serve consenso popolare la ricetta è, ed è sempre stata: fai ciò che vuoi, ci sono io a proteggerti, ma in cabina elettorale però…

Sembrerebbe essere un atteggiamento mafioso, più che politico. Scherziamo! A Terracina al massimo la mafia ci viene in vacanza a ballare sotto Pisco Montano ed il Tempio di “Giove” o a sparare sul lungomare.

Minimizzano l’ormai totale trasformazione delle attività economiche locali in LAVATRICI di denaro convinti che gli investimenti non abbiano “colore” Leggi tutto >>

Terracina Estate 2020, un altro giro di giostra

0

Sarà l’emergenza Covid 19 che consiglia di evitare gli assembramenti, o forse un nuovo gioco dell’estate 2020 ma la novità quest’anno a Terracina è il mistero delle giostre iper dinamiche, iper itineranti, non fai in tempo a salirci sopra che già sono sparite per poi, come fossero dotate di vita propria, ricomparire magicamente in un’altra zona della città. Al di là dell’ironia, la  vicenda del Luna Park cittadino, che per oltre un decennio ha svolto la propria attività presso l’area di via Stella Polare, continua ad essere lo specchio dell’incompetenza e inconcludenza dei nostri amministratori.

Anche questa estate le giostre si erano piazzate nella zona di sempre che poi è l’unica presente ed attrezzata a grande parcheggio auto a Terracina. E questo fino al 7 luglio 2020, quando i poliziotti del Commissariato di Terracina, in collaborazione con l’Ufficio circondariale marittimo della città, hanno apposto i sigilli per mancanza delle autorizzazioni all’esercizio e allo Leggi tutto >>

M5S una certezza nella totale incertezza

0

In questi giorni tutta la stampa locale è impegnata nel riportare i vari salti carpiati di improbabili candidati sindaco che passano da uno schieramento all’altro con la massima disinvoltura.

Questo probabilmente sta a dimostrare che non esistono programmi o ideologie politiche, ma solamente una incondizionata sete di potere per poter perpetuare nello smembramento di questa città a vantaggio delle proprie cerchie di sostenitori.

Ma nel caos generale solo una certezza rimane e cioè la serietà con cui il M5S presentò alla stampa la propria lista con la scelta di Piero Vanni fin dal lontano 19 Dicembre 2019.

Artigiano, 57 anni, attivista storico del Meetup Terracina 5Stelle, il più votato alle consultazioni on line svolte già a Dicembre 2019,  per l’individuazione del candidato sindaco, che ha traghettato il gruppo terracinese attraverso il percorso per la certificazione del Movimento 5 Stelle.

Interprete di numerose battaglie sul territorio, dentro e fuori il 5 Stelle, Leggi tutto >>

Torna all'inizio